Civiltà dell'Amore logo
Avvenire

Web solidale per ADOTTA UN PAPÀ

Un portale informatico per sensibilizzare i cittadini alle iniziative di associazioni che operano nel campo della solidarietà, a cominciare dall'ormai famosa campagna "Adotta un papà". Attraverso il sito www.civiltadellamore.org, (telefono 06.79.60.252) ideato dal Comitato di Collegamento dei Cattolici per una Civiltà dell'Amore, che in questi giorni viene lanciato sui media da "Pubblicità progresso", infatti, è possibile collegarsi con i siti impegnati sul fronte dell'assistenza, del volontariato, nell'impegno caritativo, missionario e sociale, in particolare per la realizzazione di microimprese nei Paesi in via di sviluppo.
Un'azione corale sulla quale è stato fatto ieri il punto in un incontro presieduto dal segretario nazionale del Comitato di Collegamento, Giuseppe Rotunno, e al quale hanno partecipato tra gli altri monsignor Karel Kasteel, segretario generale del Pontificio Consiglio Cor Unum, e Carlo Casini, presidente del Movimento per la Vita.
Tra le iniziative rilanciate, oltre all'adozione a distanza di bambini, ci sono la già citata "adozione" dei papà attraverso l'offerta di 10.000 settimane di lavoro a capofamiglia nel sud del mondo e 22 mila microprogetti di sviluppo (garantiti, sul posto, dai missionari e dalla Focsiv). Migliaia anche gli interventi di solidarietà in Italia: dal sostegno a mamme (con il Movimento per la Vita) o a ragazze in difficoltà (con don Benzi) a quello ad anziani e persone sole (con la Comunità di Sant'Egidio), passando per l'aiuto ai carcerati e alle loro famiglie (con suor Paola D'Auria e con i volontari della Caritas).
«Con la scomparsa di Papa Giovanni Paolo II - dice monsignor Kasteel - abbiamo constatato quanto sia stato concreto punto di riferimento per l'umanità. Nel suo primo discorso, Papa Benedetto XVI ha ricordato che Gesù Cristo è il Buon Pastore e che ha nel cuore le persone che vivono nel deserto della fame, della povertà, dell'abbandono. "Civiltà dell'Amore" opera da diciannove anni in questa direzione». Il segretario di Cor Unun sottolinea, poi, che «il programma delle microimprese non consiste nel trasferimento all'estero della produttività di aziende nazionali, che potrebbe creare in Italia maggiori difficoltà di occupazione, ma nel trasferimento di nuove tecnologie nei Paesi in via di sviluppo, per creare lavoro locale».
«Il portale - aggiunge Carlo Casini - aiuterà anche il progetto Gemma per l' "adozione a distanza ravvicinata", che viene in aiuto a madri in difficoltà. Il Comitato per la vita ha aiutato a nascere 5.408 bambini nel 2004, ad assistere 20 mila gestanti e ad adottare con Gemma in dieci anni 11mila piccoli, con una raccolta di fondi di 30 milioni di euro».

Michela Gambillara (Avvenire del 30 aprile 2005)