Civiltà dell'Amore logo
Progetto scuola

ADOTTA UN PAPÀ
PER LO SVILUPPO SCOLASTICO
E PER UN’ECONOMIA LOCALE

Un nuovo impulso alla Campagna “Adotta un Papà nel sud del mondo” è partito quest’anno da Roma e, con esattezza, dalle scuole primarie e secondarie del Comune a favore di capi-famiglia insegnanti in comunità povere.
Sono state infatti 40 le scuole che hanno subito aderito, con entusiasmo, al progetto “Educazione alla Mondialità” promosso dall’Assessorato alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù e dal Comitato di Collegamento Cattolici per una Civiltà dell’Amore. È stato il primo anno, quindi in qualche modo una prova, in cui si ha avuta una così vasta diffusione dell’iniziativa presso le Scuole, sperimentata in una realtà molto più piccola nell’anno 2005/2006, come quella della scuola di Villa Sciarra di Frascati. Tale progetto ha permesso il gemellaggio, con l’aiuto di 15 nostri giovani mediatori volontari, tra le scuole di Roma e 15 scuole del Brasile, Bolivia, Chad e India offrendo la possibilità di lavoro ai relativi insegnanti in tali Paesi con le modalità della formula “Adotta un Papà Insegnante nel Sud del Mondo”.
Oltre al sostegno economico per il salario degli insegnanti, i ragazzi delle scuole di Roma hanno avuto l’occasione di incontrare, presso le loro scuole, i Missionari che, muniti di documentazione sulla realtà dei Paesi e delle scuole adottate, hanno fatto scoprire e conoscere le diverse realtà delle scuole dei loro coetanei nei Paesi poveri, le caratteristiche principali delle loro culture e l’importanza che riveste la presenza di un insegnante nelle loro scuole per il processo di crescita umana e sociale. Dopo il primo incontro con i Missionari, gli alunni delle scuole di Roma hanno iniziato una vera e propria comunicazione con le scuole ad esse gemellate. Gli insegnanti delle scuole di Roma hanno inserito tali attività nei loro programmi. Per offrire un contributo allo stipendio dell’insegnante locale, i bambini con la loro fantasia e creatività hanno dato vita ad una serie di iniziative creative. Ciò si è tradotto in un processo didattico e pedagogico di estrema rilevanza.
La Campagna “Adotta un Papà nel Sud del Mondo” che festeggia quest’anno il suo decimo compleanno ha visto, dal 2000 ad oggi, circa 1100 capifamiglia ricevere uno stipendio. La forza di tale Campagna è nel fatto che questi soldi, guadagnati e non semplicemente donati, contribuiscono allo sviluppo di una microeconomia locale e alla diffusione di una cultura del lavoro. Tutto questo è stato possibile grazie alla presenza dei Missionari che rappresentano “un ponte” tra paesi occidentali e paesi in via di sviluppo.

Ing. Giuseppe Rotunno - Segretario Nazionale