Civiltà dell'Amore logo
Progetto scuola Progetto scuola Progetto scuola Progetto scuola
Progetto scuola

Alla scuola Rodari di Roma
il Natale è solidale

Il gemellaggio con le scuole dell’India e della Bolivia dal 2009 ad oggi.

Si è svolto venerdì 19 dicembre 2014 il mercatino dell’artigianato natalizio fatto dai ragazzi della Scuola media G. Rodari di Roma come da consueto appuntamento: una giornata di festa e solidarietà tra alunni delle scuole di Shanigaram in India delle Suore dell’Apostolato Cattolico e di San Martìn De Porres in Bolivia delle Missionarie Francescane Angeline.
Un’esperienza molto significativa per i ragazzi di età compresa tra gli undici e i tredici anni e per i docenti che li accompagnano ormai da cinque anni, in un percorso di crescita culturale e pedagogica fatto con i Missionari ed il Comitato attraverso gli incontri con le classi e le proiezioni di video e foto ad inizio anno scolastico, mercatini natalizi e feste di fine anno organizzate sempre con partecipazione e coinvolgimento di professori, genitori e parenti.
Un esempio significativo per noi e per le altre scuole di Roma, e non solo, di come si possano costruire legami forti e ponti di solidarietà tra ragazzi e bambini nelle scuole e grazie alle scuole, semplicemente donando tempo, propositività e costanza didattica da settembre a giugno, da un anno scolastico all’altro; così avanti con soddisfazioni continue per i docenti, i presidi e un grande aiuto per le scuole più povere come quelle dell’India e della Bolivia, ma anche dell’Africa o del Brasile dove i Missionari sono impegnati, ogni giorno, in prima linea. Questo grazie agli aiuti che la scuola fa per il sostegno allo studio nei Paesi poveri attraverso piccole donazioni liberali periodiche.
Il Progetto “Educazione alla Mondialità” avviato dal 2009, sulla base di precedenti gemellaggi di aiuto alle scuole nei Paesi in via di sviluppo, fatti dal Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell’Amore dal 2005, vuole essere un serbatoio di testimonianze e di promozione all’intercultura e alla promozione dei diritti umani, oltre che una forte spinta alla pace tra ragazzi sperimentata tra i banchi di scuola.
Seguendo le parole di Madre Teresa di Calcutta: “Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma a me piace pensare che se non lo facessimo, l’oceano avrebbe una goccia in meno”..