Civiltà dell'Amore logo
Seminario di Assisi 2019

Documento finale da Civiltà dell’Amore

26 ottobre 2019

Ripuliamo il mondo tutti insieme: dalle atomiche agli scempi ambientali, si può!
Nasce nel Sacro Convento d’ Assisi, il 26 ottobre 2019 con Civiltà dell’Amore che ha segnato la conversione di 20.000 testate nucleari in energia di pace e continua nuovi piani di eliminazione, come in Area Coreana, delle rimanenti circa 15.000 atomiche ancora nel mondo la proposta di altrettante azioni efficaci per l’Ambiente.

rivolta a:

- Imprenditori di produzioni ad impatto ambientale (CO2, Plastiche, Prodotti con rifiuti industriali non rigenerabili, etc.)
Convertite i processi, dando seguito alla Ricerca Scientifica e Tecnologica, ad una Metodologia di contenimento completo dei vostri prodotti come richiesto già per la Produzione Nucleare, cioè senza impatto ambientale, tranne che in caso di incidente grave.

- Ragazzi, sempre più numerosi nella denuncia ambientale (esempio con Greta Thunberg)
Nelle Manifestazioni in Città portate sempre ognuno un sacchetto ed un paio di guanti per ripulirle dai rifiuti, come solo pochi Sindaci riescono a garantire; in Casa siate le Sentinelle per una corretta raccolta differenziata, l’abolizione della plastica inutile, il risparmio d’energia, etc.

- Cittadini: dato che ognuno di noi nei Paesi evoluti genera nel corso della sua esistenza annuale un quantitativo di CO2 corrispondente a circa quanto ne può assorbire un albero in un anno.
Ogni Cittadino ogni anno pianti e assicuri la cura a 1 nuovo albero, collegando così positivamente la nostra vita a quella dell’ambiente.

- Decisori Pubblici
Impongano subito trasporti e mix energetico quasi senza fonti fossili per abbassare la CO2 nonché Leggi che adottino l’Economia Circolare, cioè il riciclo ecologico dei prodotti industriali.

Tali misure, costituiscono alcune delle tante che si possono promuovere efficacemente, per ridurre subito Inquinamento e CO2 ed evitare la catastrofe ambientale pv. per tutti.

Per maggior informazioni visita il sito Nuclearforpeace.org